Stop al Moltiplicatore-Sentenza procedurale delle Sezioni Riunite
Interventi inammissibili-Questione di Massima improcedibile

Stop al Moltiplicatore-Sentenza procedurale delle Sezioni Riunite Interventi inammissibili-Questione di Massima improcedibil

Con la sentenza n. 13/2019/QM/Pre depositata il 6.5.2019 e notificataci ieri, che pubblichiamo integralmente, le Sezioni Riunite in sede Giurisdizionale della Corte dei Conti, senza prendere posizione sulla vexata quaestio interpretativa dell’art. 3 comma 7° del D.Lgs. 165/1997, accogliendo due eccezioni sollevate dalla Procura Generale, hanno definito l’atteso giudizio in senso sostanzialmente favorevole alla tesi sostenuta dall’INPS.

Leggi l’Articolo »
No Comment

L’INTERPRETAZIONE DELL’ART. 3 D.lGS. 165/1997
SOSTENUTA DALLO STUDIO INNANZI ALLE SEZIONI RIUNITE DELLA C.C.
IL TESTO INTEGRALE DELLA COMPARSA

INTERPRETAZIONE DELL'ART. 3 D.lGS. 165/1997<br />SOSTENUTA DALLO STUDIO INNANZI ALLE SEZIONI RIUNITE DELLA C.C.<br />IL TESTO INTEGRALE DELLA COMPARSA 17 Aprile 2019″ width=”100%” class=”ombra bordo_bianco a_scomparsa”/></p>
<p class= Comparsa per intervento fatto dallo Studio alle Sezione Riunte della Corte dei Conti, per l’Udienza del 10 Aprile scorso

Arezzo – 17 Aprile 2019

Avv. Guido Chessa

© Copyright "Studio Legale Associato C.B.C. di Chessa-Barbini-Chessa"

Per Informazioni e Ricorsi

Contattare Avvocato Guido Chessa
Viale Michelangelo, 26 52100 Arezzo
Telefono Segreteria: 371 18 91 856
Fax: 0575 35 49 91

chessapensionimilitari@gmail.com


Contatti:

Avvocato Guido Chessa

Avvocato Chiara Chessa

Avvocato Eleonora Barbini

Leggi l’Articolo »
No Comment

Riepilogo dell’Udienza innanzi alle Sezioni Riunite.
Ci sarà un giudice a Berlino?

Riepilogo Udienza innanzi alle Sezioni Riunite 10 Aprile 2019

Utilizzando una parafrasi letteraria, possiamo comunicare a tutti i nostri assistiti, che se all’Udienza del 10 aprile, innanzi alle Sezioni Riunite della Corte dei Conti, speravamo di incontrare, come il mugnaio Arnold nel racconto di Bertolt Brecht, “Un Giudice a Berlino”, probabilmente ancora non ci siamo trovati all’appuntamento. Ma non disperiamo, perché l’agognato incontro, anche se ha scarsissime probabilità di riuscita per le note ragioni di economia, rientra, comunque, nelle cose possibili, come i miracoli, che possono sempre verificarsi.
E questo perché nulla possiamo lamentare nei confronti del Presidente delle Sezioni, il quale ha condotto l’Udienza, durata dalle ore 10,00 alle ore 11,30, con grande serenità ed equilibrio, dando a tutte le parti tempi sufficienti per argomentare le proprie tesi, seguendone con attenzione i contenuti che hanno presentato anche profili procedurali di assoluta novità.

In questo contesto, la complessa decisione interpretativa dell’art. 3 D.Lgs. 165/1997 verrà sicuramente accompagnata anche dalla definizione delle due questioni preliminari sollevate dal Procuratore Generale. Questi, infatti, nella sua qualità di rappresentante dello Stato, e con esso delle esigenze di bilancio economico dell’INPS, ha assunto un ruolo primario e condizionante nel corso di tutta l’Udienza sino alla replica finale.
Infatti, oltre a schierarsi decisamente per la conferma della tesi interpretativa dell’INPS, che esclude l’applicabilità dell’art.3 ai militari affetti da patologie invalidanti a prescindere dal requisito anagrafico, l’Ufficio della Procura Generale ha eccepito in via preliminare :

A) l’inammissibilità dell’Ordinanza del Presidente della Corte dei Conti che ha posto la Questione di Massima per carenza di motivazione, alla luce dell’insussistenza di un contrasto giurisprudenziale in sede di appello dove le sentenze nr. 31 e 29 della I^ e II^ Sezione avevano già univocamente affermato la validità delle tesi interpretative dell‘INPS. Pertanto non essendo giustificato tecnicamente e giuridicamente il ricorso alle Sezioni Riunite, queste ultime non avrebbero dovuto pronunciarsi sulla questione interpretativa portata al suo scrutinio;
B) l’inammissibilità degli interventi ad adiuvandum, dispiegati dal nostro studio legale e da quello degli Avv.ti. Ruta-Iammatteo, in quanto tale tipologia di intervento non sarebbe prevista dal nuovo Codice della Giustizia Amministrativa che farebbe riferimento solo all’intervento ad excludendum e non a quello attivato dal collegio difensivo che si era affiancato alla difesa del ricorrente principale. Per tale ragione ne richiedeva l’estromissione dal giudizio in quanto ritenute parti ex lege non ammesse a partecipare a tale tipologia di contenzioso.

Le due eccezioni si prefiggevano il raggiungimento di due chiari obbiettivi. Un primo, costituito dal tentativo di portare le Sezioni Riunite, non correttamente investite della Questione di Massima. sollevata dal Presidente della Corte, a non pronunciarsi su di essa. In tal modo chiedendo di lasciare in piedi i giudicati delle Sezioni di Appello come decisioni nomofilattiche ed evitando, nel contempo, il rischio, per quanto limitato, di subire una decisione contraria. Un secondo, costituito dal tentativo di estromettere totalmente dal giudizio le parti intervenienti, e ciò onde evitare di misurarsi con le tesi interpretative contrarie dalle stesse formulate.

Il Presidente delle Sezioni nel prendere atto della posizione assunta dalla Procura Generale, anziché disporre il contraddittorio sulle questioni pregiudiziali e far ritirare la Corte per statuire sulle stesse, decideva invece per la prosecuzione del giudizio, chiamando alla discussione della causa la difesa del ricorrente che si riportava a giustizia sulle eccezioni del Procuratore Generale, e nel merito, al contenuto della comparsa di costituzione. A seguire l’avvocato dell’INPS dopo essersi rimesso a giustizia sulle questioni pregiudiziali, insisteva per l’accoglimento della tesi interpretativa sostenuta dall’Ente, sviluppandone l’ermeneusi sistematica senza nulla di nuovo apportare alla giurisprudenza favorevole richiamata, ivi compresa quella delle inibitorie e dei Giudizi di Appello della I^ e II^ Sezione, per cui chiedeva l’accoglimento della propria domanda giudiziale con reiezione di quanto contrariamente prospettato.

A questo punto dell’Udienza, il Presidente delle Sezioni Riunite ha dato la parola alle difese delle parti intervenute, invitandole anche a prendere posizione sulle eccezioni preliminari assunte dalla Procura Generale oltre a prospettare le proprie ragioni interpretative nel merito.

Chiamato alla discussione, lo Studio Chessa, a difesa dei propri assistiti, si è opposto alle eccezioni della Procura, denunciandone l’infondatezza giuridica. In particolare assumeva la regolarità dell’Ordinanza Presidenziale di proposizione della Questione di Massima in quanto, nella sua estrema sinteticità, rappresentava il notevole contrasto giurisprudenziale esistente presso le Corti Territoriali ed individuava chiaramente quello che era il thema decisorio cui le Sezioni Riunite erano chiamate a statuire. Evidenziava altresì come la stessa, fosse stata proposta in data 24 gennaio 2019 , cioè anteriormente alle pronunzie occorse a seguito dei gravami e come non si fosse formata ancora una nomofilachia sul punto controverso mancando ancora una decisione della III^ Sezione.

Proseguiva, inoltre, con la richiesta di respingimento della seconda eccezione in punto di estromissione dal giudizio delle parti intervenute. Infatti evidenziava come l’istituto processuale dell’intervento sia previsto dal Codice di Giustizia Contabile innanzi alle Sezioni Riunite nella forma dell’intervento ad exludendum, tipologia che non esclude quello ad adiuvandum dispiegato dagli assistiti dello Studio Chessa. Infatti, l’intervento dispiegato era di natura adesiva dipendente, quindi limitato all’interpretazione della norma in quanto non portava nel suo seno delle domande nuove e trovava la sua ragione nell’osservanza dell’obbligo dello “stare decisis” cui avrebbe dovuto attenersi la I^ Sez. della Corte Centrale di Appello in sede di trattazione del gravame la cui udienza era stata fissata per il 30 settembre 2019. Esisteva quindi oltre che una connessione oggettiva , soggettiva e di titolo anche una ragione giuridicamente qualificata che legittimava la propria presenza nel procedimento celebrato innanzi alle Sezioni Riunite.

Nel merito, infine, dopo essersi riportato ai contenuti della propria comparsa per intervento con la quale si analizzava ai fini iterpretativi la genesi e l’evoluzione storica degli istituti giuridici del “moltiplicatore” e della “ausiliaria”, ha soffermato, con l’assenso presidenziale, la propria discussione esclusivamente sul comma 8° dell’art.3 D.Lgs.165/1997 e sull’art. 2229 COM commi 1° e 6°, evidenziando come la loro mancata valutazione in sede di analisi sistematica da parte dell’INPS e le criticità della Sentenza nr. 29 della I^ Sezione di Appello, non fosse riuscita a rimuovere il perso significativo che gli stessi rivestivano. Concludeva, quindi, per l’accoglimento della tesi difensiva che vuole applicato l’art. 3 D,.Lgs. 165/1997 ai militari affetti da patologie invalidanti a prescindere dal requisito anagrafico.

Lo Studio Ruta-Iammatteo, nel prendere la parola si è associato a quanto da noi sostenuto riguardo le eccezioni sollevate dalla Procura Generale, chiedendone anche sulla scorta di diverse motivazioni la reiezione. Nel merito, ha sviluppato la tematica riguardante la disciplina della ausiliaria, cui il proprio assistito, un ufficiale dell’arma, risultava escluso, da una parte aderendo alle nostre interpretazioni e dall’altra prospettando anche un profilo diverso legato allo status degli ufficiali. Giungeva, comunque, a rassegnare le proprie conclusioni aderendo integralmente a quelle sostenute dal nostro studio.

Dopo breve replica della Procura Generale, il Presidente delle Sezioni Unite ha chiuso l’Udienza riservandosi ogni decisione che dovrebbe avvenire entro al massimo alla fine di giugno 2019.
Questo è il riassunto di quanto accaduto e mi dispiace che la narrazione non sia di facile comprensione a causa dei tecnicismi, non sempre comprensibili, di cui è infarcita. Però, credetemi, non poteva essere fatta diversamente.

A questo punto, è difficile ipotizzare quale tipo di decisione assumeranno le Sezioni Riunite.

La Sentenza sarà sicuramente importante sotto il profilo procedurale, perché il Giudice della Nomofilachia Contabile dovrà esprimersi per la prima volta sia sui requisiti di ammissibilità che dovrà avere l’Ordinanza Presidenziale di proposizione delle Questioni di Massima, sia sulla dispiegabilità dell’intervento adesivo dipendente da parte di terzi interessati e quindi sulla legittimità della loro partecipazione ai processi innanzi alle Sezioni Riunite.

Tutto ciò, se sarà importante per la giurisprudenza processualcontabile futura, non incide minimamente sulla questione di merito né darà risposta all’unica domanda cui i più pragmatici tengono: “Ma insomma!! Abbiamo diritto o no all’applicazione del Moltiplicatore???”.

Innanzi alle Sezioni Riunite, presiedute da un Magistrato sereno ed equanime, siamo riusciti a tenere ancora accesa la fievole luce della speranza, anche perchè le nostre interpretazioni non sono risultate scalfite più di tanto dall’iniziativa aggressiva dell’INPS e della Procura Generale.

Però la Ragion di Stato, e l’esigenza di equilibrio di bilancio dei conti dell’INPS, esercitano un forte peso, richiamato anche dalla Procura Generale, sulla soluzione di questo complesso giudizio.

In questo clima costellato di nere nubi sfavorevoli, un solo fatto ci conforta. Nell’interesse dei nostri assistiti, non abbiamo mai smesso di cercare “Un Giudice a Berlino”, e chissà se, contro tutto e contro tutti, non si abbia l’imprevista avventura di incontralo veramente.

Arezzo – 11 Aprile 2019

Avv. Guido Chessa

© Copyright "Studio Legale Associato C.B.C. di Chessa-Barbini-Chessa"

Per Informazioni e Ricorsi

Contattare Avvocato Guido Chessa
Viale Michelangelo, 26 52100 Arezzo
Telefono Segreteria: 371 18 91 856
Fax: 0575 35 49 91

chessapensionimilitari@gmail.com


Contatti:

Avvocato Guido Chessa

Avvocato Chiara Chessa

Avvocato Eleonora Barbini

Leggi l’Articolo »
No Comment

Militari Riformati-Moltiplicatore-UDIENZA 10.4.2019
Lo Studio Chessa interviene davanti alle Sezioni Riunite Centrali

Militari rRiformati moltiplicatore udienza 10 aprile 2019 lo studio Chessa interviene davanti alle sezioni riunite centrali presso la Corte dei Conti Roma

Il 22 marzo scorso, ottenuta l’autorizzazione all’accesso al fascicolo processuale n. 631/SR/QM/Pres aperto presso le Sezioni Riunite della C.C. Centrale, abbiamo notificato all’INPS ed alla Procura Generale presso la Corte dei Conti Centrale, la nostra Comparsa per intervento adesivo dipendente al fine di sostenere la tesi interpretativa dell’applicabilità dell’art. 3 comma 7° D.Lgs. 165/1997 al personale militare posto in quiescenza per accertate patologie invalidanti a prescindere dal possesso del requisito anagrafico.

Leggi l’Articolo »
No Comment

Militari Riformati – Moltiplicatore – Attenzione
Questione di Massima alle Sezioni Riunite della Corte dei Conti Centrale

militari riformati moltiplicatore attenzione questione di massima alle sezioni riunite della corte dei conti centrale

Tanto tuonò che piovve! Abbiamo avuto conferma della notizia informale, ricevuta ieri da un noto Collega reduce dall’Udienza innanzi al GUP del Piemonte, che le Sezioni Riunite Giurisdizionali della Corte dei Conti Centrale sono state, pochi giorni orsono, formalmente investite per decidere sulla Questione di Massima riguardante l’interpretazione dell’art. 3 co.7 D.Lgs. 165/1967.

Leggi l’Articolo »
No Comment

Militari Riformati- Secondo STOP al Moltiplicatore
Anche la I^ Sez. C.C. Centrale accoglie Appello INPS

militari riformati secondo stop al moltiplicatore anche la prima Sezione corte dei conti centrale accoglie appello inps

Riportiamo qui di seguito il testo integrale della Sentenza nr. 31/19 depositata il 18 febbraio u.s., con la quale accogliendo il ricorso dell’INPS, la I^ Sezione della Corte dei Conti Centrale d’Appello, ha deciso per l’annullamento della sentenza nr.146/18, emessa della Corte Territoriale della Toscana in data 22.05.2018, con la quale si riconosceva in prime cure il diritto all’applicazione del Moltiplicatore in favore di tre militari riformati nostri assistiti.
Dobbiamo registrare, quindi, un secondo arresto giurisprudenziale (Il primo della II^ Sezione lo trovate sempre a fondo pagina) che accresce il flusso dell’acqua al mulino dell’INPS gettando un sotteso occhio, tacito ma benevolo, all’esigenza di equilibrio dei suoi conti. Influente problematica, quest’ultima, che l’Ente non ha mai perso occasione di evidenziare nelle sue difese giudiziarie, sia in primo che in secondo grado.

Leggi l’Articolo »
No Comment
No Comment

Presentazione Sito

Presentazione Sito Web dello Studio legale Chessa di Arezzo

Con il 1° Settembre 2018 lo Studio Legale Associato C.B.C. degli avvocati Chessa Guido, Barbini Eleonora e Chessa Chiara, ha esordito nelle pubblicazioni sul Nuovo Sito www.studiolegalechessa.com che viene destinato esclusivamente alla trattazione giuridico-amministrativa delle problematiche pensionistiche e risarcitorie riguardanti il comparto “Difesa & Sicurezza”.

Leggi l’Articolo »
No Comment

PEREQUAZIONE-LA CEDU RESPINGE I RICORSI
Interessi economico-politici e diritto

PEREQUAZIONE-LA CEDU RESPINGE I RICORSI- Interessi economico-politici e diritto

Il 15 ottobre u.s. la raccomandata della Corte Europea, spedita il 5.10.2018, ci ha informato del respingimento di tutti i nostri ricorsi riuniti nella procedura “Ricorso n° 25131/18 Signorelli ed Altri c/o Italia”.
Della decisione abbiamo già dato notizia via Mail a tutti i nostri assistiti per cui non ci rimane, in questa sede, che articolare alcune considerazioni sull’esperienza giudiziaria vissuta, sulle ragioni dei suoi esiti negativi e sui riflessi futuri che la stessa potrà avere.
 

Leggi l’Articolo »
No Comment
No Comment

Sentenza 200/2018 – Costituzionalità del Blocco Stipendiale –
Pietra tombale della Corte Costituzionale su tutte le aspettative ?

Blocco Stipendiale Corte Costituzionale

Nel nostro articolo “Gli effetti del blocco stipendiale: gli orientamenti interpretativi del giudice delle pensioni in attesa della Corte Costituzionale” pubblicato lo scorso primo settembre, esaminavamo la giurisprudenza formatasi attorno alle tematiche concernenti gli effetti del cd. “blocco stipendiale” sui trattamenti di quiescenza del personale non contrattualizzato posto in congedo nell’arco temporale della “cristallizzazione” degli aumenti retributivi dal 01/01/2011 al 31/12/2014 (Vedi articolo pubblicato).

Leggi l’Articolo »
No Comment
No Comment

Ultime Sentenze Primo Grado – Moltiplicatore

Ultime Sentenze Primo Grado – Moltiplicatore

Continuano in primo grado innanzi alle Sezioni Territoriali della Corte dei Conti gli accoglimenti dei ricorsi proposti dai militari riformati con richiesta di ricalcolo dei propri trattamenti di pensione in virtù del riconoscimento dell’incremento figurativo di cui all’art 3 comma 7 Dlgs 165/97 meglio conosciuto come “Moltiplicatore”.

Leggi l’Articolo »
No Comment
No Comment

ART 54 TU 1092/1973
L’attuale Panorama Giurisprudenziale

Articolo 54 - Attuale Panorama Giurisprudenziale

La questione giuridica della corretta applicazione in favore dei militari posti in quiescenza con il sistema di calcolo misto, che al 31/12/1995 avevano maturato un’ anzianità di servizio utile pari a 15 anni ma non superiore ai 18 anni, dell’aliquota di pensione in quota retributiva del 44% in luogo di quella erroneamente attribuita del 35% , continua a dividere il Giudice delle Pensioni.

Leggi l’Articolo »
No Comment
No Comment
No Comment

ART 54: VENETO – PRIMO ACCOGLIMENTO DEL GIUDICE DELLE PENSIONI –

Accolto il primo ricorso dalla Corte dei Conti della Veneto

È stata depositata questa mattina in segreteria la sentenza n°179/2018 del GUP del Veneto con la quale in parziale accoglimento delle richieste del ricorrente Primo Maresciallo dell’Esercito Italiano è stata accolta la domanda di ricalcolo della pensione ai sensi dell’art 54 comma 1 del DPR 1092/73, rigettata invece la richiesta di applicazione del c.d. moltiplicatore.
In piena attuazione del principio del libero convincimento del giudice e della sua indipendenza in seno alla Corte dei Conti del Veneto se univoca è la decisione in punto di incremento figurativo ex art 3 comma 7, da oggi coesistono invece due orientamenti contrapposti in tema di ricalcolo del trattamento pensionistico del personale militare in quiescenza con sistema misto in applicazione dell’ art 54 comma 1 DPR 1092/73.

Leggi l’Articolo »
No Comment
No Comment
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.